Ultimi Aggiornamenti

Eventi
Articolo del 09/02/2012
Leggi >

Politica MPS
Articolo del 11/01/2012
Leggi >

Politica Senese1
Articolo del 21/11/2011
Leggi >


clicca qui >>

clicca qui >>

clicca qui >>

clicca qui >>

clicca qui >>

clicca qui >>


AUMENTO RETTE CAMPANSI

Nello scorso programma politico del sindaco Cenni, appoggiato e sostenuto, dall’attuale candidato Ceccuzzi,  si sottolineava il fatto che non sarebbe stato aumentato il costo delle rette per gli anziani. E invece……………….

Il problema degli anziani è molto vasto e complicato e non si può certo liquidare con poche parole. Quello di cui senza dubbio hanno necessità è la tranquillità, il trovarsi in un ambiente accogliente e le cure mediche e personali. Perché tutto ciò sia realizzabile occorrono persone preparate e professionali e dotate di professionalità diverse a seconda che debbano occuparsi di persone auto o non auto sufficienti. E’ controproducente, oltretutto, per la salute psicofisica degli auto sufficienti mettere insieme auto e non autosufficienti.

Con il ricorso alle cooperative per la gestione delle varie case di riposo la professionalità viene meno; il personale è sottopagato e si fa sempre più ricorso ad extracomunitari i quali, con tutto l’impegno che ci possono mettere,  molto hanno da imparare prima di poter essere “professionali”.

E’ scontato che tutto ciò ha un costo ed ha un costo elevato soprattutto l’aspetto sanitario ma dal momento in cui,  in tutto il resto d’Italia, e ci riferiamo principalmente al nord, i costi sono più bassi rispetto alla provincia di Siena (e forse dell’intera Toscana), ci chiediamo quale sia la necessità oggettiva di aumentare ancora il costo delle rette.

Il servizio offerto dalle Case di Riposo per gli anziani è un servizio che deve essere indirizzato alla comunità intera e non solo verso chi è benestante. Il benestante riesce bene a curarsi anche a casa con personale di servizio proprio (badanti incluse) ma chi percepisce la pensione minima o una pensione dignitosa per una vita tranquilla, se vissuta in auto sufficienza, come può permettersi in caso di necessità di pagare una retta in una struttura anche come quella del Campansi che è pubblica? Quali sono quelle famiglie che possono accollarsi, oltre alle spese proprie e dei figli anche le spese per una casa di riposo?

E’ stato effettuato un aumento delle rette del Campansi che, come dice il Presidente dell’ Asp Siena, Pier Luigi Corsi, è stato finalizzato a far stare meglio gli assistiti e a pagare gli operatori. Sulla base di quanto da lui stesso affermato la struttura del Campansi accoglie 312 ospiti. Se le rette di questi ospiti avranno un aumento pari a circa € 1.500 annui, nelle casse dell’ASP entreranno € 468.000 che serviranno, come affermato dal Presidente, a pareggiare il bilancio. Ma, salvo errori, questa cifra non corrisponde all’importo che il Presidente Pier Luigi Corsi percepisce annualmente?

Se così è, forse non sarà meglio mettere a bilancio un “recupero di moralità” che non riguarda solo il Presidente dell’Asp ma l’intero Sistema Siena che, come una voragine, ha inghiottito milioni di euro della Fondazione ed ora che sono arrivati ad esaurimento si cerca di recuperare i soldi dai cittadini scaricando le colpe sui tagli del governo?

E nel “recupero di moralità” rientra anche la scelta dell’attribuzione di coloro che devono ricoprire certi incarichi e soprattutto se detti incarichi devono assumere la forma di volontariato o di incarico  retribuito. Se è una forma di volontariato ben vengano figure come Pier Luigi Corsi ma se l’incarico deve essere remunerato, è vergognoso che lo assuma un ex Direttore Generale MPS che già percepisce una pensione considerevole ed è giusto assumere una persona a tempo pieno come amministratore ottenendo il doppio risultato di avere un occupato in più e un disoccupato in meno!

Molti sono gli interventi da effettuare subito anche per dare chiarezza ai cittadini ed in primo luogo un sistema on line, inserito all’interno del sito del Comune,  che riporti l’elenco di tutte le case di riposo con le caratteristiche e la disponibilità ricettiva, aggiornata al momento; come pubblica e aggiornata on line deve essere la graduatoria di accesso alle case di riposo e la relativa lista d’attesa per dar modo alle famiglie di organizzarsi per il tempo di attesa ricercando in collaborazione con le assistenti sociali (o chi per loro) le soluzioni più idonee. Un presidio medico costante in tutte le strutture anche per autosufficienti, invece di ricorrere al medico personale che non può intervenire all’istante, in grado di poter curare presso la struttura stessa i piccoli malanni senza il ricorso continuo al Pronto Soccorso evitando così di intasare anche le corsie della medicina generale.

Questo un breve accenno di quelle che potranno essere le proposte di Futuro e Libertà che in questa tornata elettorale si presenta all’interno del Nuovo Polo per Siena collegata al candidato Sindaco Gabriele Corradi e che troverà come referente il candidato al Consiglio Comunale Gabriella Donatini.

 

                                                                       GABRIELLA DONATINI

                                   Candidato consiglio comunale NUOVO POLO PER SIENA

                                                                          CORRADI SINDACO

 

.